FROSINONE – Arrestato Direttore Arpa. Codici: “La vicenda assume contorni preoccupanti”

FROSINONE – Arrestato Direttore Arpa. Codici: “La vicenda assume contorni preoccupanti” Stampa E-mail
venerdì 24 settembre 2010

Arrestato Direttore Arpa, intervento Codici Frosinone FROSINONE – E’ di questi giorni la notizia dell’arresto da parte della Guardia di Finanza di Ceprano del direttore provinciale dell’Agenzia Regionale Arpa e dell’avviso di garanzia notificato ad un dipendente della stessa ARPA. In particolare, secondo l’accusa, il direttore dell’Arpa avrebbe falsificato i risultati di alcune analisi riguardanti un sito industriale di Ceprano.
“Un plauso va sicuramente all’approfondito e puntuale lavoro portato avanti dal Prefetto Maddaloni e dalla Guardia di Finanza – commenta Luigi Gabriele, Segretario Provinciale CODICI Frosinone – Quello del frusinate è un territorio duramente colpito da quelli che potremmo definire disastri ambientali: dalla diossina nella zona di Anagni, alla Valle del Sacco tutte emergenze delle quali, tra l’altro, si è occupata anche l’Agenzia regionale per l’ambiente. Questo gravissimo episodio – prosegue Gabriele – mette un punto interrogativo su tutte quelle indagini che hanno visto impegnata l’Arpa. Il pessimo stato ambientale di cui il frusinate è vittima ci fa ipotizzare che ad esserne causa non siano solamente una scarsa cultura e rispetto ambientali ma anche situazioni torbide e di malaffare”. “La vicenda assume quindi contorni preoccupanti – prosegue Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale CODICI – falsificare l’esito delle analisi è grave di per sé ma la gravità viene qui esasperata perché ad esserne colpito è un territorio già fortemente vessato da serie problematiche di natura ambientale”. Il CODICI annuncia pertanto di costituirsi parte civile negli eventuali processi che vedranno incriminati il direttore ed il funzionario dell’ARPA provinciale.

FROSINONE – Arrestato Direttore Arpa. Codici: “La vicenda assume contorni preoccupanti”ultima modifica: 2010-09-26T17:13:00+02:00da luigigabriele
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento