Acqua, il presidente della Provincia unico responsabile del disastro!

CODICI3.pngACQUA, FROSINONE: AUMENTI DEL 40% DALLA PROSSIMA BOLLETTA

 

Codici: la stangata si sarebbe potuta evitare. I rincari sono la conseguenza del fallimento di questa politica

 

Abbiamo spiegato la situazione del servizio idrico in provincia di Frsoinone già il 29 Febbraio in questo Dossier

 

Frosinone. Gli aumenti sulla bolletta dell’acqua, già previsti da Codici, sono stati  confermati. Arriveranno, infatti, puntuali con la prossima bolletta.

“Le soluzioni che si sarebbero potute adottare erano varie – commenta Luigi Gabriele, Segretario Provinciale del Codici – purtroppo la politica ha deciso per un aumento sulla TRM del 40%. I rincari rappresentano pertanto il fallimento della politica e l’incapacità di saperla fare in una certa maniera, determinando, così un grosso danno ai consumatori”.

“La responsabilità di quanto sta accadendo al SII di Frosinone è in particolare del Presidente della Provincia, Iannarilli e di tutto il contesto politico attento ai clientelismi e a voti di scambio, meno ai cittadini che ora si dovranno sobbarcare degli ingenti esborsi di denaro”.

“Nonostante avessimo più volte offerto la consulenza gratuita come associazione dei consumatori- prosegue Gabriele –  si è preferito percorrere la strada dello sperpero di denaro pubblico sborsando 2.000.000 di euro a cui va aggiunto il costo della STO. Oggi – conclude il Segretario Provinciale – che le regole ci sono e l’AEEG ha acquisito pieni poteri per quanto riguarda la regolamentazione del SII, il Codici annuncia che utilizzerà tutti gli strumenti a sua disposizione per far gravare personalmente questi costi direttamente sugli amministratori pubblici che ne hanno dato mandato”.

 

Frosinone, 12 marzo 2012

 

Alessandra De Giorgi

Dipartimento Comunicazione Codici

tel. 0655301808 cell. 3498692186

ufficio_stampa@codici.org

www.spazioconsumatori.tv

Acqua, il presidente della Provincia unico responsabile del disastro!ultima modifica: 2012-03-12T15:45:15+01:00da luigigabriele
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento